"Orphan X" di Gregg Hurwitz

Buongiorno lettori,
grazie alla collaborazione con Thriller Nord, un progetto che ha l'obiettivo di diffondere l'amore per il genere thriller, e che coinvolge me, altri blogger e gli ideatori del gruppo e del sito, che sono dei grandi amanti della lettura, ho avuto il piacere di leggere Orphan X, edito da Bookme.
Sul sito di Thriller Nord ne trovate la recensione, ma dato che mi è piaciuto così tanto che non mi stanco di parlarne, qui vi voglio raccontare perché a mio parere non potete perdere questa lettura.



"Sai quali sono le mie parole preferite?"
Peter lo guardò con espressione interrogativa.
"La prossima volta" disse Evan.
"Le cose cambiano. Non sempre per il meglio. Puoi vincere alla lotteria o essere investito da un carro armato".
"Ah".
"Ma il punto è proprio questo. La prossima volta significa che il mondo ti aspetta. La prossima volta significa avere una possibilità, essere libero".

Trama.
Un numero di telefono per quando non sai a chi rivolgerti, quando le alternative sono finite e hai toccato il fondo. Un numero da usare una volta e mai più, da passare di mano in mano come un amuleto, come un’ultima speranza. All’altro capo del filo c’è lui, non una leggenda, ma un uomo in carne e ossa disposto a mettersi al servizio dei più deboli. Un cane sciolto, un giustiziere senza padroni né legge che tanti vorrebbero vedere morto. 
Nella vita di tutti i giorni è Evan Smoak, scapolo schivo e senza legami, ma un tempo era Orphan X: ragazzino emarginato strappato a un futuro già scritto e trasformato nella più perfetta macchina per uccidere al servizio del governo americano. Da quando Evan ha deciso di cambiare vita, da cacciatore si è trasformato in preda. Solo facendo appello a tutte le sue risorse può sperare di sfuggire al sistema che lo ha creato. E continuare a lottare per rendere il mondo un posto migliore, correggendo torti e ingiustizie un caso alla volta. Per settimane in testa alle classifiche americane e inglesi, Orphan X è un fenomeno editoriale in corso di pubblicazione in 20 Paesi. Destinato a diventare un grande film prodotto dalla Warner Bros.

Perché leggerlo?

Questo libro mi ha completamente rapita e sono già in trepida attesa del seguito e del film da esso tratto.
Pagina dopo pagina, mi sono ritrovata a rivivere le stesse sensazioni che provavo da piccola guardando la serie Dark Angel (per intenderci, è quella che ha reso famosa Jessica Alba e Jensen Ackles) che, se non avete mai visto, vi consiglio di recuperare.
Adoro fare le liste, e Orphan X si presta benissimo a questa mia mania, per cui vi elenco gli elementi che mi hanno fatto amare questa lettura.

  • Evan, è un perfetto eroe: combattivo, coraggioso, intelligente, ma anche estremamente buono e pronto ad aiutare le persone in difficoltà.
  • Gli inquilini del palazzo dove abita il protagonista sono curiosi personaggi  che si rivelano fondamentali perché rendono più leggera l'atmosfera che si respira nel racconto
  • Per quanto dal libro emerga chiaramente che l'uso della violenza sia sbagliato, è impossibile non parteggiare per Evan, dato che ricorre ad essa per un valido motivo: salvare degli innocenti.
  • Gregg Hurwitz , l’autore, ha saputo bilanciare con maestria azione, suspense, mistero e avventura. Non vi nascondo che durante la lettura ho più volte "parlato col libro" perché troppo coinvolta nella narrazione!
  • Non mancano i colpi di scena: penserete di aver capito qualcosa e invece la realtà si rivelerà l'esatto contrario. E il finale? Un grosso punto interrogativo!
Se le mie parole vi hanno convinto e volete una lettura entusiasmante e frizzante, Orphan X fa al caso vostro! Quindi buona lettura!



"Cause I need freedom now
And I need to know how
To live my life as it’s meant to be

And I will hold on hope
And I won’t let you choke
On the noose around your neck

And I’ll find strength in pain
And I will change my ways
I’ll know my name as it’s called again"


Commenti

Post popolari in questo blog

{ Recensione } "Eppure cadiamo felici" di Enrico Galiano

"Favole fuorilegge" di Nicolai Lilin

Recensione - "Nessuno può volare" di Simonetta Agnello Hornby