"Un adorabile lunedì" di Giulia Dell'Uomo

Buongiorno lettori!
Questi sono stati giorni di letture brevi, fatte tra la preparazione delle valigie, le file ai gate e i voli. E quella che vi voglio presentare oggi mi è rimasta particolarmente impressa perché si tratta di una storia profonda ma trattata con estrema dolcezza.
"Un adorabile Lunedì", scritto da Giulia Dell'Uomo, appartiene alla collana You feel di Rizzoli, e come promette il mood rappresentato dalla lacrimuccia, è davvero emozionante.


"Insomma, nella mia vita c'era stato posto solo per la letteratura in ogni sua forma. Mi aiutava a sognare, forse ad evadere da un mondo che spesso sentivo ingiusto e pesante"


Trama

Eva è una giovane maestra di una scuola elementare. Edoardo, quarant’anni, insegna canto al conservatorio e la sua unica regola di vita è schivare le responsabilità. Si incontrano per caso, poi per lavoro, e si scontrano violentemente per i loro caratteri tanto diversi. Eva nasconde un passato difficile, un groviglio di dolori, rimorsi e promesse infrante. Edoardo invece ha un presente fin troppo facile, fatto solo di donne e amici, ed è proprio il tipo di uomo che Eva ha sempre detestato. Eppure passo dopo passo – complice Lunedì, un simpatico cane randagio adottato da Eva – i loro cuori iniziano a conoscersi e riconoscersi. Ma per Eva aprirsi significa correre un grande rischio, ed Edoardo sembra una persona di cui sarebbe disastroso fidarsi… 

Perché leggerlo?

Eva è una donna che ha subito una grande perdita, che mette tutta se stessa nel proprio lavoro e che ha una paura folle di ricominciare a vivere. 
Ho adorato il fatto che la scrittrice dia l'opportunità di conoscere la protagonista nel profondo grazie alla descrizione delle sedute dalla psicologa. Così ci si rende conto del percorso emotivo che Eva compie e dei piccoli passi che la porteranno alla rinascita.
Veniamo a Edoardo...lo sapete che io in genere adoro i personaggi maschili più che quelli femminili, ma in questo caso, all'inizio avrei volentieri preso a schiaffi il suo bel faccino, ma per fortuna, nel corso della storia, si è rivelato essere sorprendente. L'incontro con Eva lo cambia. Capisce che la condizione di scapolo impenitente non è poi così fantastica come sembra da giovani e, alla soglia dei 40 anni, si rende conto che gli interessa passare del tempo con una persona e creare un legame con lei.
La storia di Eva ed Edoardo non sarà esattamente rose e fiori, ci saranno dei colpi di scena che vi faranno temere il peggio, ma il finale è bellissimo, complice una lettera  scritta dalla mamma di Edo.
Quindi prendete i vostri e-reader, tablet, cellulari o qualsiasi supporto dove leggere i formati digitali e acquistate questo gioiellino che vi farà trascorrere delle piacevoli ore!


"You were slow to heal but this could be the night"




Commenti

Post popolari in questo blog

{ Recensione } "Eppure cadiamo felici" di Enrico Galiano

"Favole fuorilegge" di Nicolai Lilin

"Nessuno può fermarmi" di Caterina Soffici - Intervista all'autrice