"La storia d'amore più bella del mondo" di Massimo Incerpi

Buon lunedì lettori!
Volete iniziare la settimana con una lettura leggera che vi allieterà per qualche ora, o cercate un libro da infilare nella borsa per il mare?  Allora "La storia d'amore più bella del mondo" è il libro che fa al caso vostro!




"Amare è scegliere, baciare è la volontà di amare"
Trama

Azzurra ha diciannove anni, ha appena cominciato l’università e vive con la madre. Ragazza modello, ha sempre rigato dritto, seguendo i consigli degli adulti. Almeno finora. Ignorando tutti i pareri contrari, questa volta ha deciso di partecipare a un programma televisivo: La storia d’amore più bella del mondo. Il format prevede che un ragazzo sia corteggiato da più pretendenti e che alla fine ne scelga una da frequentare al di fuori degli studi. La prima serata in TV c’è Omar, un venticinquenne di Milano, bello e carismatico: Azzurra ne è rimasta affascinata la prima volta in cui lo ha visto. Ma le cose non vanno come si aspettava, infatti il ragazzo sembra non provare interesse per lei e apprezzare invece le altre corteggiatrici. Dopo la registrazione della puntata, però, Omar la sorprende, proponendole di trascorrere una giornata a Parigi insieme a lui. Azzurra accetta, ma proprio quando sta per lasciarsi andare, dal suo passato ricompare Tommy, il suo ex, e con lui i tradimenti e la sofferenza che ha subìto e non ancora dimenticato…

Perché leggerlo?
Non sono una fan di Uomini e Donne né di Temptation Island, per cui mi sono accostata a questa lettura con una buona dose di scetticismo. Ma devo riconoscere che sono rimasta stupita dall'originalità e dalla freschezza di questo racconto.
L'autore è riuscito a creare dei personaggi ben caratterizzati e infatti sin dalle prime pagine ho odiato Azzurra e Tommy, e amato Omar e  Sara.
Azzurra ha un passato che la condiziona e che la frena dal vivere come una qualsiasi diciannovenne, una madre iperprotettiva ed emotivamente bloccata, e un ex, Tommy, che l'ha tradita e mollata durante un romantico viaggio a Parigi . Quindi sì, ha tutti i motivi per lamentarsi della sua vita triste, ma non fa altro per tutta la durata della storia, tanto che più volte Omar, il "corteggiato", la riprende per questo modo di fare. Solo nel finale ho intravisto una spiraglio di luce e quindi la possibilità per la protagonista femminile di crescere e trasformarsi da ragazzina capricciosa e piagnucolosa in ragazza sicura di sé e di ciò che vuole dalla vita.
Tommy non meriterebbe nemmeno di essere nominato perché è l'ex che nessuno di noi vorrebbe, quello che si pente e improvvisamente si riscopre innamoratissimo di noi. Ma purtroppo il suo ruolo sarà di estrema importanza nella vicenda.
Sara è invece la migliore amica di Azzurra, una ragazza che contrariamente alla protagonista, ha polso, è determinata, scaltra e perennemente ottimista. La sua presenza è l'unica certezza nella vita di Azzurra che conta su di lei per consigli e decisioni.
Come sempre, i personaggi maschili mi colpiscono di più, e infatti Omar mi è piaciuto veramente tanto. Fin troppo buono, disposto a perdonare tutte le ingenuità commesse dalla protagonista pur di non perdere l'occasione di trovare l'anima gemella. Sa suonare la chitarra, non si separa mai dal suo Kindle e sa elaborare frasi profonde e romantiche...poteva lasciarmi impassibile? Direi proprio di no!
Vi consiglio "La storia d'amore più bella del mondo" perché è un romanzo divertente che vi regalerà una giornata spensierata e che vi renderà spettatori della nascita di un sentimento che, seppur vissuto in un contesto molto particolare, non manca di romanticismo e naturalezza.





It’s hard to win me back
Everything just takes me back
To when you were there
To when you were there
And a part of me keeps holding on
Just in case it hasn’t gone
I guess I still care
Do you still care?

It was just like a movie
It was just like a song
My God, this reminds me
Of when we were young

Commenti

Post popolari in questo blog

{ Recensione } "Eppure cadiamo felici" di Enrico Galiano

"Favole fuorilegge" di Nicolai Lilin

Recensione - "Nessuno può volare" di Simonetta Agnello Hornby