"Aspettami davanti al mare" di Emily Pigozzi

Buongiorno lettori,
anche questa settimana vi voglio proporre delle storie brevi, che vi terranno compagnia sotto l'ombrellone, o a casa, nei pomeriggi afosi.


"È scritto in croato, e recita le parole: Cekam te ispred mora. D." [...]
"Ti aspetto davanti al mare", è la traduzione.


Trama.

Lilia è una giovane giornalista milanese che ha trent’anni, mille manie e paure, una famiglia freddina e un fidanzato noioso, abituato a considerarla parte dell’arredamento. Per rivitalizzare la storia d’amore con Guido, Lilia organizza una vacanza sulle coste dell’Istria, ma non appena arrivano nella bellissima Rovigno le cose si complicano e i destini della coppia si dividono. E Lilia viene sedotta e rapita dallo sguardo magnetico di Danijel. Bello, passionale e misterioso, ma chi è davvero quell’uomo, e soprattutto chi sono i demoni che lo tormentano? Lilia riparte per Milano senza risposte, convinta di aver perso la sua occasione per essere finalmente felice. Ma c’è qualcosa che la chiama, che vuole che torni davanti a quel mare… Tra i colori di una terra incantevole, martoriata da un passato tragico e non ancora dimenticato, Emily Pigozzi ci regala la storia struggente di due anime che si riconoscono e si comprendono, al di là di ogni ostacolo.

Perché leggerlo?
Io ho un rapporto molto particolare con il mare, è parte di me. Il rumore delle onde, l'acqua che assume mille sfumature di colore, il potere calmante che ha su di me alla sola vista, tutto questo me lo fa amare.
"Aspettami davanti al mare" racchiude questo mio sentimento, che trova espressione nel personaggio di 
Danijel, uomo tormentato per il quale il mare è una garanzia di pace e benessere mentale. La sua figura mi ha colpito particolarmente non solo per la somiglianza caratteriale, ma perché è una persona ferita nel profondo dalle atrocità che ha sopportato e compiuto durante le Guerre jugoslave.
Anche se all'epoca ero solo una bambina, ricordo benissimo la brutalità del conflitto e non potrò mai scordare il volto di una mia compagna di asilo, fuggita da quei territori e scampata per poco all'esplosione di una delle tante mine antiuomo, che ancora oggi rappresentano un incubo.
Quale è però la cura migliore per il dolore se non l'amore?
Tra 
Danijel e Lilia è attrazione immediata. Lei, insoddisfatta dalle sua vita amorosa e lavorativa, inizialmente sottovaluta la notte di passione che trascorre con il croato durante la sua vacanza. Ma tornata alla vita di tutti i giorni capisce quanto invece si senta legata a lui e, per una volta, decide di seguire il suo cuore e tornare in Croazia.
La loro storia d'amore sarà dolorosa e tormentata, profonda e struggente, ma vi assicuro che, giunti all'ultima pagina, il vostro cuore sarà colmo di speranza.
La storia di Emily Pigozzi è veramente emozionante, non fatevela scappare!



"Como una barca de papel que cuando se moja se hunde 
como una manzana que al morder la cabeza me confunde 
como una veleta que se mueve y al viento no obedece 
Me gusta como eres"

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

{ Recensione } "Eppure cadiamo felici" di Enrico Galiano

"Favole fuorilegge" di Nicolai Lilin

"Nessuno può fermarmi" di Caterina Soffici - Intervista all'autrice