"Consolation" di Corinne Michaels

Buongiorno lettori,
era da qualche mese che non leggevo un bel romance intenso, di quelli che ti spezzano il cuore in mille pezzi, per poi darti un attimo di tregua, e rigettarti nello sconforto. "Consolation" è esattamente un libro di questo tipo, nel quale però amore e speranza prevalgono sul dolore provato dai protagonisti.





"Il modo in cui ogni onda che arriva porta sempre nuova acqua sulla sabbia, cancellando le nostre impronte e dando a ogni cosa una nuova occasione. È...una cosa che ti riempie di speranza"


Trama

La piccola Aarabelle non era ancora nata quando sua madre Natalie ricevette la tragica notizia della morte di Aaron, suo marito, marine caduto in battaglia. Il destino, che le stava per concedere il dono più bello, le ha strappato la felicità facendola piombare nella disperazione più profonda. L’unico in grado di darle conforto è Liam Dempsey, il migliore amico di suo marito, che le sarà vicino per onorare la promessa che aveva fatto ad Aaron prima che lui partisse per la sua ultima missione. Ma né Liam né Natalie potevano immaginare che da quella vicinanza potesse nascere un rapporto che andasse oltre la semplice amicizia, per diventare qualcosa di sconvolgente a cui neanche loro riescono a dare un nome. E mentre Liam si consuma nel rimorso di poter in qualche modo tradire la fiducia che Aaron ha riposto in lui, Natalie non sa comprendere se quello che prova nasca da qualcosa di profondo o sia solo desiderio di essere consolata da un dolore a cui non riesce a fuggire. È questo il prezzo che deve pagare per essere di nuovo felice?


Perché leggerlo?

Per darvi un'idea di quanto sia coinvolgente questo libro, vi rivelo che non appena l'ho finito, sono andata sull'app kindle store e ho comprato e letto il seguito, "Convinction". Dovevo a tutti i costi sapere come sarebbe andata a finire la storia! Ora attendo con ansia che Leggereditore lo pubblichi in italiano, perché lo rileggerò sicuramente.
Raramente mi innamoro di entrambi i protagonisti di un romance, ma in questo caso Liam e Natalie mi hanno stregata.
All'inizio del racconto li troviamo entrambi dilaniati dal dolore per la perdita di Aaron (raro caso di personaggio antipatico anche se morto) ed intenti ad elaborare il lutto nel "modo giusto". Natalie dedica tutta se stessa ad Aarabelle, e Liam decide di aiutarla come aveva promesso al suo amico e fratello spirituale.
Lee è una donna tenace, e i momenti di disperazione raccontati nel libro non ne scalfiscono la forza, ma anzi, portano il lettore a prendere a cuore il suo futuro e desiderarne la felicità.
Liam è una roccia, una persona integra a cui ci si può affidare ciecamente, oltre ad essere bello e protettivo. Il suo più grande pregio è quello di saper leggere nel profondo delle persone e grazie a questa sua qualità si insinuerà nel cuore di Natalie e della piccola Aarabelle.
Tra devastanti rivelazioni e momenti di preoccupazione, i due cercheranno di combattere contro i propri sentimenti per poi decidere di lasciarsi andare e di affrontare insieme il futuro. Ma...  Lo scoprirete leggendo!
Ho adorato i momenti romantici e teneri di Liam e Natalie, ma "Consolation" non è una semplice storia d'amore perché tratta anche di argomenti complessi come il 
disturbo post-traumatico da stress che affligge i soldati e le conseguenze che esso ha sulle famiglie dei combattenti. Ma soprattutto porta ad interrogarsi sui sentimenti, sul loro emergere nei momenti sbagliati, sul loro essere taciuti e nascosti, e sul rischio che si corre nel seguirli.



"As my memory rests 
But never forgets what I lost"




Commenti

Post popolari in questo blog

{ Recensione } "Eppure cadiamo felici" di Enrico Galiano

"Favole fuorilegge" di Nicolai Lilin

Recensione - "Nessuno può volare" di Simonetta Agnello Hornby