Recensione - "Ti sposo per caso" di Denise Grover Swank

Buongiorno lettrici (sì, oggi mi rivolgo solo a voi)!
Voglio concludere la settimana con una buona dose di romanticismo che farà contente quelle tra di voi che hanno sempre sognato il matrimonio e l'abito bianco.
Vi confesso che a me non ha mai esaltato l'idea, e anzi, "odio" tutto ciò che presuppone indossare vestiti principeschi e organizzare grandi cerimonie, ma "Ti sposo per caso" di Denise Grover Swank (edito Piemme), mi ha fatto comunque desiderare di salire su un aereo sperando di ritrovarmi seduta vicino ad un meraviglioso sconosciuto.



Trama.

Megan Vandemeer aveva tutte le intenzioni di dire ai suoi genitori che la festa di matrimonio in programma di lì a poco sarebbe andata a monte per mancanza del promesso sposo. Tanto più che non lo aveva ancora presentato in famiglia! E invece si ritrova, senza sapere come, a bordo dell'aereo per Kansas City che la porterà a casa dei suoi e al suo matrimonio. Il fatto è che ha il cuore troppo spezzato per dire la verità. Salvo, dopo un paio di drink e due pastiglie, ritrovarsi a raccontare tutta la storia al giovane sconosciuto dai capelli scuri seduto accanto a lei. A Josh McMillan resta una sola settimana per salvare la sua azienda. Questo volo a Kansas City è l'ultimo tentativo. Ma il viaggio per il momento gli ha portato dell'altro: una ragazza molto carina, che sembra sull'orlo di una crisi di nervi, seduta accanto a lui e in vena di confidenze. Ai genitori di Megan, venuti a prenderla all'aeroporto, basterà vedere lei e Josh insieme per credere che sia lui il promesso sposo. E adesso come deluderli?


Perché leggerlo?

A tutti sarà capitato di interrogarsi sull'esistenza o meno del colpo di fulmine, e alcuni fortunati magari lo avranno anche sperimentato; però in genere di fronte a storie che iniziano con i protagonisti che si piacciono fin dal primo istante in cui si incontrano, si prova un certo scetticismo. Ma in questo caso, non vi è nessuna forzatura e non si cade nel melenso, per cui ci si lascia trascinare nel complicato rapporto che lega Megan e Josh.
La trama non spicca per originalità, ma l'intreccio con il quale si sviluppa la rende divertente e brillante. Inoltre, contribuiscono alla riuscita del romanzo anche personaggi ben delineati e con una forte personalità. 
In realtà, per buona parte del racconto, penserete che Megan non abbia molto carattere, dato che non riesce ad opporsi ad una madre despota che ha assunto il controllo totale dei preparativi del suo matrimonio. Ma niente è come sembra, e infatti emergeranno delle verità che renderanno più comprensibili i comportamenti di entrambe.
Josh, invece, è un ragazzo estremamente buono e onesto, che si ritrova a dover mentire per cercare di salvare la sua azienda. E le cose per lui si complicheranno ulteriormente quando capirà che la sua finta fidanzata gli piace un po' troppo e che rischia di dover scegliere fra l'amore e il suo lavoro.
Oltre alla coppia, e alla madre di Megan, detta "Caffeina", conosceremo poi anche Libby e Blair che saranno le protagoniste dei prossimi volumi della serie. 
E infine, merita una menzione d'onore la nonna di Megan, una vecchia signora dalla mentalità molto aperta e dai modi giovanili. Sarà protagonista di scene molto divertenti, ve lo assicuro!

Leggete "Ti sposo per caso" e godetevi qualche ora immerse in un'atmosfera romantica, tra preparativi matrimoniali e bugie che diventano verità!



 Marry You - Bruno Mars

"Hey baby,
I think I wanna marry you."

Commenti

Post popolari in questo blog

{ Recensione } "Eppure cadiamo felici" di Enrico Galiano

"Favole fuorilegge" di Nicolai Lilin

Recensione - "Nessuno può volare" di Simonetta Agnello Hornby