Recensione - "Tutta colpa di quel bacio" di Cassandra Rocca

Buongiorno lettori!
Stamattina vi parlo dell'ultimo libro di Cassandra Rocca, "Tutta colpa di quel bacio", recuperato a qualche mese dall'uscita. Del resto non potevo assolutamente esimermi dal farlo: sapete che ho un debole per i romance, e quando si tratta di leggerne uno italiano, ho una rosa di autrici che si rivelano essere sempre una certezza. La Rocca rientra tra loro.



"Sbagli. Non è evitando le situazioni che scamperai alla sofferenza. Il solo fatto di non assaporare totalmente ciò che provi ti fa sentire vuota, triste. Credimi, si rischia di star male in un modo o nell'altro. Solo tirando fuori il carattere e vivendo ogni situazione appieno potrai sperimentare la vera felicità."

Trama.

Fuggita da Londra con il cuore infranto, Emily si è trasferita a New York, dove ha deciso di buttarsi a capofitto nel lavoro, unico settore nel quale sembra avere successo. Con gli uomini ha chiuso, ma purtroppo San Valentino è alle porte e l’agenzia di event planner per cui lavora è sommersa di richieste a cui lei deve rispondere. A complicare le cose arriva Matthew Cohen, proprietario di una linea di navi da crociera, nonché sua vecchia conoscenza: è stato il primo due di picche della storia sentimentale di Emily. A causa di Matt, ora si ritrova invischiata nell’organizzazione di quello che è diventato l’evento più romantico del momento: “La Crociera degli innamorati”. Come se non fosse abbastanza deprimente ritrovarsi a bordo, single, in mezzo a tutte quelle coppie felici, Emily dovrà fare i conti anche con la presenza scomoda di Matt, così magnetico e sicuro di sé. L’attrazione tra loro è innegabile e la tentazione è forte, ma Emily non vuole soffrire di nuovo: quel viaggio sta risvegliando in lei desideri ai quali credeva di aver rinunciato per sempre, rendendola vulnerabile. Innamorarsi di un uomo che non crede nell’amore sarebbe davvero un terribile errore. Oppure no?

Perché leggerlo?

Capitano giornate storte e in momenti del genere non ci resta che rifugiarci nel mondo della fantasia. In questo i libri ci danno un grande aiuto e "Tutta colpa di quel bacio" ha decisamente migliorato il mio umore in un giorno che era partito malissimo. 
Devo essere sincera e dirvi che sapevo di andare sul sicuro scegliendo la nuova storia scritta da Cassandra, perché ho letto ogni suo libro e ho sempre amato il fatto che scriva delle belle favole d'amore. Se siete persone ciniche o snob che non sopportano i romance, state alla larga da questo post ed evitate giudizi non richiesti. Ma se, come me, amate fantasticare e rifugiarvi in storie che fanno sognare e che divertono, leggete "Tutta colpa di quel bacio"!
Vi garantisco che non incapperete in drammi o momenti sconvolgenti, ma, al contrario, vi divertirete e non potrete fare a meno di sorridere per la tenerezza di Emily e Matt.
I due protagonisti infatti faranno scintille sin dal momento in cui si incontreranno nuovamente dopo anni di lontananza. La Rocca racconta dolcissimi momenti legati alla loro adolescenza, ma è ancora più brava a creare per Emily e Matt una spassosissima occasione per passare molto tempo insieme e riscoprirsi.
Viene poi una gran voglia di salire a bordo della "Crociera degli innamorati" per incontrare Heaven e David, i protagonisti di "Ho voglia di innamorarmi" (qui la recensione), e per assistere al coronamento dell'amore di Arthur e Rose, una coppia che dovete proprio scoprire.
Non voglio svelarvi ulteriori dettagli, "Tutta colpa di quel bacio" di Cassandra Rocca è un romanzo che vi dovete godere pagina dopo pagina perché tutte noi ci meritiamo un pizzico di romanticismo ogni tanto!

E ora, immaginate di essere sulla nave da crociera di Matt e di danzare sulle note di "The Way You Look Tonight" cantata da Michael Bublé!



"Yes, you’re lovely, with your smile so warm
And your cheeks so soft
There is nothing for me, but to love you
And the way you look tonight"


Commenti

Post popolari in questo blog

{ Recensione } "Eppure cadiamo felici" di Enrico Galiano

Recensione - "Nessuno può volare" di Simonetta Agnello Hornby

"Favole fuorilegge" di Nicolai Lilin