Recensione - "The Winner's Curse. La maledizione" di Marie Rutkoski

Buongiorno cari lettori,
oggi vi parlo di un fantasy uscito a metà luglio, primo volume di una trilogia che ha incuriosito tantissimi lettori. È "The Winner's Curse. La maledizione" di Marie Rutkoski.



"Non è a questo che servono le storie, a rendere reali cose finte, e finte quelle reali?"

Trama.

In quanto figlia di un potente generale di un vasto impero che riduce i schiavitù i popoli conquistati, la diciassettenne Kestrel ha sempre goduto di una vita privilegiata. Ma adesso si trova davanti a una scelta difficile: arruolarsi nell’esercito oppure sposarsi. La ragazza, però, ha ben altre intenzioni... Nel giovane Arin, uno schiavo in vendita all’asta, Kestrel ha trovato uno spirito gentile e a lei affine. Gli occhi di lui, che sembrano sfidare tutto e tutti, l’hanno spinta a seguire il proprio istinto e comprarlo senza pensare alle possibili conseguenze. E così, inaspettatamente, Kestrel si ritrova a dover nascondere l’amore che inizia a sentire per Arin, un sentimento che si intensifica giorno dopo giorno. Ma la ragazza non sa che anche il giovane schiavo nasconde un segreto e che per stare insieme i due amanti dovranno accettare di tradire la loro gente o altrimenti tradire sé stessi per rimanere fedeli al proprio popolo. Kestrel imparerà velocemente che il prezzo da pagare per l’uomo che ama è molto più alto di quello che avrebbe mai potuto immaginare…

Perché leggerlo?

È un fantasy particolare quello scritto da Marie Rutkoski, perché per quanto la storia ci conduca in un mondo irreale, non possiamo fare a meno di pensare che abbia qualcosa in comune con i tempi antichi che tanto studiamo sui banchi di scuola. E probabilmente contribuisce ad aumentare questa sensazione anche il fatto che uno dei temi principali del libro sia la schiavitù: l'autrice nelle note infatti non fa mistero di essersi rifatta al periodo greco-romano per riuscire a descrivere al meglio la mentalità dell'epoca e i meccanismi che venivano innescati dalle guerre.
È una lettura che non annoia mai: ci sono duelli, si parla di strategie di guerra, e non mancano intrighi, segreti e misteri da svelare...oltre all'amore, ovviamente!
E a tale proposito, parliamo proprio dei due innamorati, Kestrel e Arin. Che personaggi ragazzi! 
Kestrel è una ragazza sveglia, intelligente, coraggiosa e impulsiva. E sarà proprio questa ultima caratteristica a metterla nei guai perché, dopo aver incrociato lo sguardo dello schiavo Arin, farà di tutto pur di aggiudicarselo all'asta. Da quel momento la storia si arricchirà di momenti grazie ai quali impareremo a conoscere i due giovani e comprenderemo che era inevitabile che si legassero. Tra loro l'intesa scatta immediatamente, ne avvertiamo le vibrazioni.
Fin da subito, però, è chiaro che Arin nasconde qualcosa, che è molto più di uno schiavo, e l'autrice, tramite la voce narrante, ci rivela alcuni dettagli che rimangono però oscuri a Kestrel. 
Ma poi si metterà in mezzo la guerra e per i due arriverà la resa dei conti in un finale che lascia il lettore senza parole e in trepidante attesa del seguito.
"The Winner's Curse. La maledizione" è un libro che deve arrivare nelle vostre librerie: vi consiglio di non lasciarvi scappare questo romanzo appassionante in cui amore e avventura si combinano alla perfezione!


Commenti

Post popolari in questo blog

{ Recensione } "Eppure cadiamo felici" di Enrico Galiano

Recensione - "Nessuno può volare" di Simonetta Agnello Hornby

"Favole fuorilegge" di Nicolai Lilin