"Vincolo di sangue" di Alessia Coppola

Buon pomeriggio cari!
Qualche giorno fa vi avevo segnalato l'uscita di "Vincolo di sangue", quarto volume della serie "Once Upon a Steam", e ora, dopo averlo letto, non posso che consigliarvi di acquistarlo e leggerlo subito!




Trama

Una mantella rossa si aggira per gli oscuri meandri della Foresta di Steamwood. Rossa come il sangue versato in una battaglia tra il Clan dei Lupi e i Cacciatori. Cappuccetto Rosso è cresciuta ed è divenuta una combattente, erede di una stirpe di cacciatori e portatrice di un segreto.
Tra lotte, inganni, sortilegi, scelte difficili e infine amore, Beatrix compirà il suo destino e quello dei lupi, designando una nuova era.

La mia opinione

Inizio dicendo che sin dalle prime righe sono stata catapultata in un'atmosfera fiabesca e misteriosa allo stesso tempo.
Non vi svelerò nulla della storia, ma sappiate che non è una semplice rivisitazione della favola di Cappuccetto Rosso. Ad Alessia Coppola, autrice di questa splendida storia, va riconosciuto il merito di aver dato vita a dei personaggi molto interessanti e ben caratterizzati.
Beatrix è una eroina determinata, tenace e grintosa, così come sua nonna Dresna, una donna forte e coraggiosa, che per proteggere sua nipote, la tiene all'oscuro di un segreto cruciale.
Ho adorato anche il personaggio di Zayne (non vi dico chi è, tocca a voi scoprirlo!), e da subito ho capito quale sarebbe stato il suo ruolo all'interno della storia, o meglio, ho sperato di non sbagliarmi! 
Detto ciò, se volete passare qualche ora in compagnia di una storia misteriosa e avvincente, "Vincolo di sangue" fa per voi!

P.s. Potevano mancare i miei consigli musicali? Ovviamente no!






 


Commenti

  1. Risposte
    1. E di che? Mi è piaciuta veramente tanto la storia e scrivi molto bene :) I complimenti sono tutti meritati!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

{ Recensione } "Eppure cadiamo felici" di Enrico Galiano

"Favole fuorilegge" di Nicolai Lilin

"Nessuno può fermarmi" di Caterina Soffici - Intervista all'autrice