"Shadow Magic" di Joshua Khan

Cari lettori, 
oggi vi parlo di un libro dall'ambientazione perfetta per Halloween, che  mi ha permesso di tornare a leggere uno dei miei generi preferiti, ovvero il fantasy.


Trama.

Da quando i suoi genitori sono morti in circostanze misteriose, Lily Shadow è l’unica erede al trono di Geenna.
Ma per una ragazzina di tredici anni, che non ha alcuna conoscenza della magia nera, governare il Regno delle Ombre è impossibile. I suoi antenati erano infatti in grado di comunicare con gli spiriti, risvegliare i morti, radunare truppe di zombie dalle tombe. Ma lei come potrà difendere il Paese, senza arti magiche e senza un esercito? L’unico modo per salvare Geenna è sposare Gabriel Solar, il rampollo della famiglia nemica, e assicurare così la pace. Gabriel però è un vero idiota e Lily non ha alcuna intenzione di arrendersi al proprio destino. Soprattutto quando scopre di avere un aiuto insperato in Thorn, un ragazzo dall’oscuro passato ma con un cuore coraggioso e la rara capacità di cavalcare pipistrelli 
giganti...

Perché leggerlo?

"Shadow Magic" è un libro che parte lentamente. L'autore nei primi capitoli si prende del tempo per descrivere al meglio l'atmosfera e il mondo di fantasia da lui creati, e permette a noi lettori di giocare con l'immaginazione.
Ma tranquilli, una volta entrati perfettamente nella storia, gli eventi si susseguiranno e sarà impossibile non seguirli con attenzione.
Il racconto di Joshua Khan ha tanti pregi che vanno sottolineati, in primis il fatto che i personaggi sono verosimili. Lily e Thorn mostrano le debolezze tipiche degli adolescenti, soffrono entrambi per la mancanza dei genitori e in molti casi vengono sopraffatti da un profondo senso di fallimento. Tyburn, il boia di Geena è il classico uomo fedele, Pan, lo zio di Lily, è una sorta di caricatura vivente, una persona all'apparenza innocua; poi c'è Gabriel che è il solito ragazzino insicuro e viziato e infine, K'leef che è un giovane che ha un forte senso dell'onore.
Anche l'ambientazione è perfetta, è dark, cupa, ma non fa paura. È come se fin dall'inizio, sapessimo che in questo caso il buio non è sinonimo di malvagità.
È poi molto importante il fatto che, rivolgendosi prevalentemente ad un pubblico giovane, l'intera storia sia pervasa di sentimenti positivi.
Volete sapere quello che ho adorato? Il rapporto fra Thorn e Ade, un pipistrello dall'aspetto maestoso. Insieme sono tenerissimi, e sono anche un bellissimo esempio di amicizia fra uomo e animale. 
Vi consiglio "Shadow Magic" perché è un libro avvincente, con la giusta dose di magia, mistero e buoni sentimenti. E sono sicura che, arrivati all'ultima pagina, sarete un po' nostalgici all'idea di lasciare questo mondo di fantasia, ma non preoccupatevi, fortunatamente leggeremo altre avventure di Lily e Thorn!





Commenti

  1. Ciao! Sarà una mia prossima lettura, mi ha colpito subito la copertina e anche la trama mi incuriosisce..Poi, il tuo parere è super positivo e questo mi fa molto piacere, ora sono ancora più convinta di leggerlo :)

    RispondiElimina
  2. Si Maria, mi è piaciuto molto! Merita :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

{ Recensione } "Eppure cadiamo felici" di Enrico Galiano

"Favole fuorilegge" di Nicolai Lilin

Recensione - "Nessuno può volare" di Simonetta Agnello Hornby