"Petali di me" di Serena Di Caprio

Buongiorno lettori,
oggi vi parlerò di una lettura davvero particolare, sì, perché oserei dire che "Petali di me" è un mix tra flusso di coscienza e diario.


"Imparai a stare bene da sola prima che con chiunque altro. Non fu così terribile come immaginavo"


Trama.

Il mondo di Azzurra si sgretola quando scopre che il suo legame con Leo è costruito su una menzogna. Il tradimento di lui è un duro colpo, e ancora di più è scoprire che il ragazzo che credeva di amare non è mai stato sincero con lei e le ha nascosto un segreto che forse nascondeva anche a sé stesso. Una storia d'amore struggente raccontata attraverso frammenti di vita, immagini e frasi rubate. Ma anche un cammino per imparare a crescere, a superare le delusioni e a vivere ogni emozione fino in fondo, trasformando le proprie insicurezze in splendide ali di farfalla.

Perché leggerlo?

Azzurra è la protagonista assoluta di questo libro. Ma Leo, Giulio e Claudio, i ragazzi che entrano nella sua vita, sono delle figure importanti per la sua crescita emotiva.
A mio parere, "Petali di me" non racconta una storia di amore, ma il percorso "spirituale" compiuto da Azzurra che, attraverso esperienze dolorose, si renderà conto di quanto è forte e quanto sia importante non dipendere da nessuno, star bene con se stessi. Questo è il bellissimo messaggio del libro.
Ho poi apprezzato le pagine scritte da Serena Di Caprio, oltre che per l'insegnamento che contengono, anche per la presenza di magnifiche citazioni e per le illustrazioni.
Più volte ho pensato che le frasi e i pensieri messi su carta dall'autrice li avrei potuti scrivere anche io, perché a tutti noi è capitato di sentirsi come Azzurra, di essere feriti e traditi, di ritrovarsi a ricominciare da zero. E cosa abbiamo fatto? 
Proprio come lei abbiamo reagito, imparato a contare solo sulle nostre forze, abbiamo trovato nuovi obiettivi da raggiungere, nuovi amici e nuovi amori. 
Leggete "Petali di me" perché è proprio un bell'inno alla vita!


Come sempre, ho la canzone perfetta!



Un mondo vecchio che sta insieme solo grazie a quelli che
Hanno ancora il coraggio di innamorarsi
E una musica che pompa sangue nelle vene
E che fa venire voglia di svegliarsi e di alzarsi
Smettere di lamentarsi



Commenti

Post popolari in questo blog

{ Recensione } "Eppure cadiamo felici" di Enrico Galiano

"Favole fuorilegge" di Nicolai Lilin

Recensione - "Nessuno può volare" di Simonetta Agnello Hornby