"Sex or Love" di Flavia Cocchi

Buongiorno lettori,
inizio il nuovo anno parlandovi di un libro delizioso, "Sex or Love" di Flavia Cocchi pubblicato da Leggereditore. Si tratta di una storia che ha avuto un grande successo su Wattpad (9 milioni di clic e 100 mila lettori), scritta da una ragazza di soli 16 anni.



Trama.

Luca e Beatrice non si sopportano, è risaputo. Lei è dolce e riservata, lui strafottente e sicuro di sé. Nonostante siano compagni di classe e condividano le stesse amicizie, è dal primo anno del liceo che non fanno che discutere e scambiarsi ripicche. E ora che il quarto anno è appena iniziato, la situazione non sembra destinata a migliorare. Eppure, dopo una festa in cui entrambi hanno bevuto qualche bicchiere di troppo, si risvegliano nello stesso letto. Nudi. Increduli. E soprattutto senza alcun ricordo di quanto accaduto. Ma una cosa è certa: da quel momento non riescono più a stare lontani. Irrimediabilmente attratti l’uno dall’altra, nonostante continuino a detestarsi, decidono di assecondare l’attrazione fisica che li lega. Gli accordi sono chiari e fissati in un vero e proprio decalogo antinnamoramento: sesso tutte le volte che vogliono, nel rispetto reciproco, nel totale segreto e senza mai lasciarsi andare a baci e altri atteggiamenti affettuosi. Luca e Bea sono certi che in questo modo il loro rapporto non possa degenerare in qualcos’altro... Ma sarà davvero così? 


Perché leggerlo?

Premetto che ho quasi 11 anni più della scrittrice e, sebbene non possa certo definirmi vecchia, quando ho iniziato il libro avevo la paura di non riuscire ad entrare in sintonia con i personaggi diciassettenni da lei creati. 
Ma poi ho divorato "Sex or Love" in un solo giorno, e ho fatto un tuffo nel passato cercando di ricordare come mi sentivo io a quell'età.
Questo romanzo mi ha colpito per due motivi: la storia e la scrittura. Siamo abituate a leggere di amori strazianti, drammi vari, bad boys e innocenti ragazze; ma diciamocelo, a 17 anni, a meno che non ci si trovi in particolari situazioni, la vita è un "semplice" (si fa per dire) susseguirsi di emozioni: si vivono le prime cotte, si battibecca con i compagni di classe e si litiga con i genitori. 
Ecco perché la storia mi è piaciuta, perché è verosimile ed estremamente normale. Le schermaglie tra Luca e Bea mi hanno divertita e la dolcezza del loro "indefinibile rapporto" mi ha intenerito. L'autrice infatti è stata molto brava nel caratterizzare i personaggi, e in particolar modo, i protagonisti. Bea è la figlia che tutti i genitori vorrebbero, la classica brava ragazza che si comporta bene per non ferire la mamma e che cerca di non far trasparire il dolore che prova per la perdita del padre. Luca invece non ha superato la separazione dei suoi e il rancore che prova nei confronti del padre, lo porta ad adottare degli atteggiamenti da duro. Ma a noi lettori, invece, viene mostrato anche il suo lato tenero grazie alla presenza, nel romanzo, di alcune scene con suo fratellino Tommy, un bimbo molto vispo e simpatico.
A parer mio, Luca e Bea sono due ragazzi che hanno un grande bisogno di affetto e che trovano conforto l'uno nell'altro. Sono però in quella fase della crescita in cui non si hanno certezze, quella in cui si passa da un'esperienza all'altra per cercare di capire se stessi. Si odiano, si amano, diventano amici, litigano, fanno pace...non sanno minimamente cosa provano, o forse hanno paura di scoprirlo. 
Come vi ho anticipato, ho poi molto apprezzato la scrittura di Flavia Cocchi. Non mi aspettavo che una ragazza giovane come lei scrivesse così bene. Non solo ha dato vita ad una storia appassionante e divertente, ma (e non voglio fare la precisina) mi ha stupito anche il fatto che abbia utilizzato un registro linguistico non contaminato da sgrammaticati termini giovanili. 

Che dirvi? Io attendo con ansia il seguito e intanto vi consiglio la lettura di "Sex or Love" per cominciare l'anno nel migliore dei modi, con un romanzo allegro e spensierato, ma mai banale.


P.s. Come sempre, vi lascio con una canzone, che in questo caso viene direttamente dalla playlist preferita di Bea!




"And I’m thinking ‘bout how people fall in love in mysterious ways"



Commenti

  1. Eccomiiiiii!
    Bellissima recensione e splendida camzobe <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah pensavo fosse un neologismo da sottoporre all'Accademia della Crusca! :D E comunque grazieeeee <3

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

{ Recensione } "Eppure cadiamo felici" di Enrico Galiano

"Favole fuorilegge" di Nicolai Lilin

"Nessuno può fermarmi" di Caterina Soffici - Intervista all'autrice